La Comunità Redemptor hominis opera a Mbalmayo dal 1990. Mons. Adalbert Ndzana, allora Vescovo di Mbalmayo, ci affidò nel 1995 la parrocchia di Obeck, situata nel cuore dei quartieri popolari della città, che di essa rispecchiano sia le potenzialità di una popolazione giovane che le difficoltà derivanti dal carattere di periferia e dall’accoglienza di allogeni, di funzionari, studenti, artigiani e contadini, in cerca di una vita migliore.

 

Attraverso una riflessione approfondita, l’Autore analizza le cause di una certa disaffezione dei giovani di fronte all’itinerario scolastico come percorso sicuro per realizzare la propria riuscita sociale.

 

Anche Urbisaglia, il paese natale di Silvia, in provincia di Macerata, ha voluto ricordarla durante la Messa, nei giorni successivi al suo decesso, in una chiesa affollata di amici. Riprendiamo, in parte, alcune testimonianze di un articolo apparso su “Emmaus online”...

 

Silvia era la forza motrice della nostra Scuola di Formazione per i Laici, fiore all’occhiello della diocesi di Mbalmayo. Ella ha permesso ai fedeli laici di comprendere le verità del Vangelo relative alla dottrina sociale della Chiesa...

 

La vita di Silvia ci ispira. Ella ha vissuto sempre nella semplicità. Pensiamo solo alla sua imponente rete di relazioni che avrebbe potuto fare di lei una donna con atteggiamenti mondani, ma noi la conosciamo e sappiamo che si preoccupava solo degli altri, contentandosi del minimo necessario per se stessa...

 

Nella comunione dei santi si è innalzata, contemporaneamente alle esequie celebrate in Belgio, anche la preghiera dall’Institut Catholique di Nkolbisson, a Yaoundé.

 

Silvia Recchi, membro della nostra Comunità “Redemptor hominis”, ci ha lasciati per ritornare alla Casa del Padre il 24 gennaio 2017.