Scritti di Emilio Grasso

 

Ogni anno, il 13 settembre, nella città di Ypacaraí si celebra l’anniversario della fondazione della città. In occasione di questo avvenimento, le massime autorità cittadine chiedono la celebrazione nella chiesa parrocchiale di una Messa di ringraziamento a Dio per l’anno trascorso e mettono sotto la Sua protezione il nuovo anno di vita della città.

 

Ricordo di un grande europeista nel centenario della sua nascita

 

Uno dei principi base della pastorale nella città di Ypacaraí (Paraguay) è quello di una sana laicità.  

 

La chiusura dell'articolo "Alzati e va' dove ti porta il cuore", con la citazione di una conosciutissima espressione di Susanna Tamaro, potrebbe indurre un lettore sprovveduto a pensare a una mia simpatia sentimentaloide-spiritualista da ascriversi a una certa inclinazione verso la New Age

 

Nell’Udienza generale del 19 dicembre 2007, Papa Benedetto XVI offriva questa riflessione: “La fede nella Parola che ha creato il mondo, in Colui che è venuto come Bambino, questa fede e la sua grande speranza appaiono oggi purtroppo lontane dalla realtà della vita vissuta ogni giorno, pubblica o privata. Questa verità pare troppo grande.

 

Il 17 ottobre 2018 doña Pablina Álvarez de Amarilla si è congedata da noi e da tutte le persone che la amavano, per andare verso la Patria eterna.

 

"La parola 'filo-sofia' deriva dal greco e significa amore per la sapienza. Filosofia è, dunque, essenzialmente conoscenza e condotta adeguata a questa conoscenza. Conoscere vuol dire 'avere cognizione precisa dell’esistenza e dei caratteri di un qualsiasi aspetto della realtà'”.

 

"Cosa fa Tizio? Ripete come un pappagallo le parole apprese, senza ragionare. Cerca di non commettere errori, prova a indovinare, perché è un pigro che non vuole lavorare con la sua intelligenza: è un irresponsabile".

 

"Fontamara assurge a simbolo del Sud del mondo. In questo villaggio ritroviamo descritta una storia antica e sempre nuova che va letta come un’allegoria di ciò che accade ancor oggi, tra noi, sotto i nostri occhi".