Una riflessione sugli ultimi cinquant’anni

 

Una riflessione sugli ultimi cinquant’anni

 

Esattamente un anno fa, scrivendo ai lettori del sito web della Comunità Redemptor hominis la news In tempo di Coronavirus… e dopo? In Belgio e nei Paesi Bassi, veniva posta la domanda: la vita dopo il Coronavirus come sarà?

 

Messaggio di Sua Santità Giovanni Paolo II per la Quaresima 2005

 

Ogni fondatore nel suo atto di fondazione istituisce un debito simbolico per tutti coloro che decideranno di seguirlo. Senza quell’atto originario non esisterebbe infatti nessuna comunità, nessuna istituzione, nessuna teoria da condividere.

 

È vero, come ci ammonisce il libro di Qoèlet, che per ogni cosa c’è il suo tempo (cfr. Qo 3, 1-8), e che l’uomo profondamente religioso deve vedere la sua vita con quella trascendenza che la fa immergere nel mondo di Dio.