JEAN ZOA

 

 

Il criterio supremo e permanente sarà sempre il volto del Cristo la cui novità non viene dall’uomo ma da Dio. Accettiamo dunque di ricevere da Dio la novità, piuttosto che di crearla noi stessi. ... Per tutte le nostre culture Gesù resta la novità assoluta; come un filo a piombo che ci permette di verificare e di rettificare le nostre scale di valori. Anche se, all’interno del suo mondo, Egli conosceva molto bene la cultura e le tradizioni ebraiche, Gesù Cristo vi ha apportato una rottura e se è così difficile il seguirlo ciò dipende dal fatto che la sua sequela comporta sempre delle rotture indispensabili”.

Mons. Jean Zoa
Arcivescovo di Yaoundé (Camerun)
(1922 - 20 marzo 1998)