Il testo che presentiamo è la traduzione, con alcuni adattamenti, dell’introduzione alla mia pubblicazione Principios de filosofía o sea lo que no es el Fulanismo, pubblicato nel 2005, a cura del Centro Studi Redemptor hominis del Paraguay. Il testo in questione è il risultato della sintesi di vari corsi tenuti in occasioni differenti a giovani studenti paraguaiani.

 

In preparazione al prossimo Sinodo dei Vescovi dedicato al tema “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”, il teologo italiano Bruno Forte ha riunito in un agile e profondo libro una serie di articoli e interventi concernenti il tema in questione. Forte parte da una rapida e sintetica analisi della società in cui oggi viviamo.

 

Testimonianza in occasione del 50º anniversario di ordinazione sacerdotale di S. E. Mons. Antonio Lucibello

 

Oggi la missione pone tanti interrogativi e chiama a rimettersi in discussione. In Africa, ad esempio, la missione non può essere realizzata più come prima del genocidio ruandese, dove i catechisti hanno ucciso persone dell’opposta etnia e dove finanche dei consacrati sono giunti ad ammazzare i confratelli, solo perché la legge del sangue ha prevalso sulla legge della libertà e della grazia.

 

Altro punto su cui amo insistere è la parola “dialogo”. In proposito ritengo che l’enciclica Ecclesiam Suam e l’esortazione apostolica Evangelii nuntiandi rimangano fondamentali: in esse si fonda il rapporto tra missione ad intra e ad extra; si ricorda che la Chiesa evangelizza autoevangelizzandosi; si insiste sulla relazione tra interiorità-comunità-popolo.

 

Viene qui proposta la sintesi aggiornata di un intervento tenuto da don Emilio Grasso al I Congresso Missionario della Provincia Italiana dei Carmelitani, il 2 ottobre 2007.

 

Il 24 gennaio 2017 è ritornata alla Casa del Padre Silvia Recchi, membro della Comunità Redemptor hominis. Era nata il 9 aprile 1952 a Urbisaglia, in provincia di Macerata, dove aveva conseguito la maturità classica.

 

Il contesto in cui si muovono Montesinos, Las Casas e gli altri difensori degli indios è un contesto cristiano.

 

Montesinos cerca, come abbiamo visto, di “congiungere il diritto con il fatto”. Per questo, dopo aver posto delle domande a partire dal fatto, egli interroga sul diritto, cioè sul fondamento del fatto.